Appuntamento a settembre per l’aggregazione nazionale di liste civiche, associazioni, gruppi, movimenti e cittadini. Dove e quando lo stabiliranno gli interessati stessi votando sul sito web dell’aggregazione: www.PerUnaLIstaCivicaNazionale.it.

E’ un nuovo modo di fare politica quello proposto da questa iniziativa che vede al lavoro piu’ di cento gruppi sparsi su tutta la penisola. Nata con l’obiettivo di presentare una lista alle prossime elezioni nazionali, grazie all’iniziativa di cittadini veneti, toscani, marchigiani, laziali e lombardi, l’aggregazione ha già organizzato, direttamente e indirettamente, sei incontri nazionali.

Il primo incontro, un anno fa a maggio 2011, organizzato a Bologna dai Movimenti Civici, ha riunito un gran numero di esperienze civiche e posto le basi per un programma e un primo coordinamento.Due sono gli incontri che si sono svolti a Bologna, uno dei quali è stato tenuto nonostante le terribili nevicate dell’inverno 2011. Due sono gli incontri che si sono svolti a Marina di Massa. Il 27 maggio del 2012 si è svolto un incontro a Roma. Il 7 Luglio l’incontro di Firenze.

Questo il calendario del percorso a tappe forzate che si sta compiendo per essere pronti per le elezioni nazionali. Già si intravvede una mappa delle presenze sul territorio, mentre il canovaccio del programma è una lettera a Monti firmata dai gruppi aderenti all’aggregazione. Per ora si chiama “Per Una Lista Civica Nazionale”, ma gli organizzatori hanno lanciato una gara di idee che ha prodotto al momento un centinaio di proposte. A breve saranno sottoposte a votazione in modo da arrivare a settembre con un logo ben definito. La sede di questa aggregazione è il sito internet: è qui che gli aderenti votano, fanno proposte, discutono.

“Abbiamo inaugurato un nuovo modo di fare politica – affermano gli organizzatori – basata non solo sulla partecipazione, ma sul coinvolgimento diretto degli aderenti”.La democrazia diretta che stanno mettendo in pratica prevede la revoca degli incarichi di una persona qualora un gruppo di aderenti lo chiedesse e la maggioranza degli aderenti lo approvasse.

Con lo stesso sistema “referendario” è possibile fare proposte o cancellare quelle che non si condividono. Un sistema di comunicazione e di voto trasparente, in cui tutto è visibile, accompagna questo esperimento di democrazia.Una proposta, in continua evoluzione e perfezionamento, partita come scommessa sul futuro, che si sta pian piano realizzando, senza l’appoggio dei partiti, sostenuta da cittadini per i cittadini.

L’ufficio stampa di Per Una Lista Civica Nazionale

Preiscrizione all’incontro nazionale di settembre

Cerca