COLICO : IL PIANO SPIANATO
Il Piano di Governo del Territorio di Colico (PGT) è stato approvato l’11 luglio 2013 con il voto
contrario della lista civica Cambiamento che ha partecipato con intento costruttivo a tutte le fasi del
Piano.
“Il numero delle osservazioni pervenute (oltre 160) è molto rilevante ed è imputabile alla scarsa partecipazione e discussione a tutti i livelli che ha seguito l’iter del Piano. Basti pensare che oltre 40 rilievi sono stati formulati dallo stesso Ufficio Tecnico Comunale “ – sostiene Enzo Venini, Capogruppo della Lista Civica Cambiamento-.
Dopo l’accoglimento di OTTANTA osservazioni – non certo tutte di interesse collettivo- il Piano si presenta con connotati nuovi rispetto a quello esaminato in conferenza di VAS .
Nonostante le raccomandazioni di Regione e Provincia, sono stati autorizzati a nuova edificazione ed utilizzo ambiti di grande valore paesaggistico ed ambientale.
Il complesso delle aree che comportano un nuovo consumo di suolo interessano già 34.900 mq di Superficie Territoriale mentre negli “ ambiti di trasformazione” 76.700 mq , luoghi nei quali la Regione Lombardia richiama la disattenzione verso gli obiettivi del Piano Regionale e dello stesso PGT volti alla riduzione del consumo di suolo .
Nell’accoglimento delle osservazioni si sono persi ( dato parziale) almeno 8.338 mq di superficie a servizi pubblici ! Un assurdità per un paese che vuole “crescere bene”. Il Piano è stato snaturato nei suoi obiettivi e pertanto necessiterebbe quantomeno di ripubblicazione.
Vi è stato un atteggiamento superficiale, banalizzante verso le prescrizioni e verso le considerazioni ed i “suggerimenti” di ARPA, Regione Lombardia, Provincia di Lecco ed ancor più evidente, nei confronti delle Associazioni quali WWF e Legambiente che hanno fatto rilievi condivisi anche dagli Enti sovraordinati.
Del resto, non ci si poteva attendere diversamente da chi ha proposto un questionario partecipativo alla popolazione e poi l’ha disatteso, come se non fosse mai esistito.
Eppure le persone che risposero furono molte di più delle 160 circa che hanno avuto qualcosa da ridire e da difendere, anche al di la e al di sopra delle regole che la stessa Amministrazione ha adottato per la redazione del Piano.
“ Sono amareggiato e convinto che l’Amministrazione abbia fatto perdere al paese l’occasione di una programmazione territoriale partecipata degna di questo nome” conclude Enzo Venini www.cambiamentocolico.it
Colico, 13 luglio 2013

Cerca