Il Global Foot Network, organizzazione non governativa che ha sede in California anche quest’anno lancia un segnale di allarme avvisandoci che oggi, 20 agosto 2013, è l’Overshoot Day ovvero il giorno del sovrasfruttamento e che occorrono provvedimenti urgenti.

L’umanità da oggi infatti ha finito di consumare le risorse che il nostro pianeta è in grado di produrre in un anno in modo sostenibile e quindi, per arrivare al 31 dicembre, inizia a consumare le scorte o in altre parole il “capitale natura” impoverendolo. Notare bene che l’esaurimento è avvenuto in 8 mesi scarsi su 12 e quindi sarebbe necessario un’altro “mezzo pianeta” per fornirci le risorse per arrivare a fine anno!

Lista civica italiana, partito di recente formazione, è molto preoccupata notando che di anno in anno a fronte di un Overshoot Day che anticipa sempre la data (vedi nota), nessun partito prende di petto quello che dovrebbe essere uno dei problemi principali dell’Italia e del mondo.

Come si fa a parlare di uscita dalla crisi e di rilancio dell’economia – ammesso che ci sia un partito con delle proposte credibili – senza porsi allo stesso tempo il problema di come restare nei limiti del pianeta? Lista civica italiana è convinta che l’attuale crisi deve essere vissuta come una grande opportunità per riorientare il modo di fare economia cogliendo ogni occasione per diminuire gli sprechi e creare posti di lavoro sostenibili. Si pensi alla generazione di energia dal sole, all’isolamento termico degli edifici, alle filiere corte per la produzione di cibo biologico, alla progettazione che preveda un facile riuso alla fine del ciclo di vita e una altrettanto facile riparabilità, al ritorno al vuoto a rendere con centrali dislocate sul territorio per il recupero e redistribuzione dei vuoti, alla differenziazione spinta con il programma “Rifiuti Zero”, all’abbandono dell’auto in proprietà passando al car sharing (auto in condivisione). C’è solo l’imbarazzo su come cominciare.

Purtroppo LCI constata che a fronte di effimere parole di circostanza i partiti perseverano nel finanziare iniziative assurde come EXPO 2015, l’acquisto degli aerei da guerra F35 o un gran numero di “grandi opere” stradali che devastano il territorio italiano – una delle maggiori risorse nazionali – e puntano sul mantenimento del trasporto su gomma che è uno dei maggiori generatori di effetto serra e di cambiamento climatico. Non a caso Mathis Wackernagel – direttore del Global Footprint Network – dice che la riduzione delle emissioni di CO2 è uno dei passi più significativi da compiere per rientrare nei limiti del pianeta.

Nota: Nel 1987 l’Overshoot Day è caduto il 19 dicembre, nel 2000 il 1 novembre, nel 2008 il 23 settembre. La data si sposta sempre verso l’inizio d’anno!

La documentazione completa prodotta dal Global Footprint Network  è reperibile al sito di Rete Civica Italiana ( www.retecivicaitaliana.it ), uno dei gruppi  che hanno dato vita a Lista Civica Italiana.

Cerca