29 ottobre 2014

Lista Civica Italiana (LCI) organizza a Roma, il 15 novembre, un incontro aperto a tutti coloro che non si riconoscono nell’attuale classe politica e che intendono liberarsi dal leaderismo e dalla partitocrazia. L’obiettivo è di confrontarsi sulla necessità di rinnovare le modalità di azione che i gruppi, le associazioni e i vari portatori di interesse adottano per raggiungere i loro scopi statutari.

In sostanza LCI rileva che la mancanza di coordinamento tra questi enti provoca una enorme dispersione di energie e non permette di emergere dal rumore di fondo della comunicazione di massa: tutto ciò vanifica gli sforzi di chi si batte per la difesa dei beni comuni, della legalità, della democrazia, mentre lo svuotamento delle istituzioni democratiche avanza spedita.

LCI, nel rispetto delle specificità di ciascuno, mette quindi a disposizione di quanti/e si riconoscono in alcuni valori fondanti la giornata di sabato (presso lo SCUP in via Nola 5 Roma), volta a creare una rete per sensibilizzare e formare i/le cittadini/e in modo coordinato e condiviso.

 Questa rete, secondo LCI, dovrebbe avere nella prima fase come compito primario la organizzazione sul territorio nazionale di eventi pubblici in simultanea su argomenti quali la legge elettorale, il rispetto dei limiti del nostro pianeta e la conseguente necessità di creare posti di lavoro nell’ambito di attività in armonia con l’ambiente, la conoscenza degli effetti di meccanismi come il Fiscal Compact e del debito pubblico sulle famiglie. La rete dovrebbe inoltre fare informazione coordinata sui cittadini sia tramite internet che il tradizionale volantinaggio.

 In una seconda fase, la rete dovrebbe poter organizzare la raccolta di firme certificate per presentare liste elettorali, per la presentazione di referendum o proposte di legge di iniziativa popolare. Queste sono funzioni indispensabili in quanto rendono una rete autosufficiente e soprattutto indipendente dai partiti esistenti che in varie occasioni – per motivi di autoconservazione e di poltrone – hanno preteso di piazzare i propri candidati nei progetti.

LCI è fiduciosa nel fatto che vi siano nel paese gruppi, movimenti, organizzazioni, associazioni, cittadini e cittadine che comprendano la necessità di aggregarsi per avere la forza sufficiente per formulare proposte ed incidere sulla politica italiana.

 La costituzione di questa rete potrebbe essere facilitata dal fatto che la grande maggioranza di enti attualmente attivi sul territorio nazionale condivide valori quali:

difesa e attuazione della Costituzione.

legalità e lotta alla corruzione

difesa del territorio del patrimonio italiano (cultura, arte, paesaggio, piccole e medie imprese, agricoltura e turismo eco compatibili, creatività, cibo)

coscienza dei limiti del nostro Pianeta e conseguente necessità della riconversione ecologica dell’economia

lotta alla finanza speculativa e alle sue degenerazioni

– fiducia nei giovani e loro coinvolgimento.

– necessità di agire in prima persona per riprendersi il futuro senza delegare tutto ai leader

 Domenica 16 novembre si svolgerà l’Assemblea Statutaria di Lista Civica Italiana

 Per informazioni sull’evento vedere http://www.listacivicaitaliana.org/progetti/. A questo link si trova anche la proposta politica e operativa di LCI

Cerca