25 aprile: commemorare non basta!

Bisogna difendere ora i nostri diritti!

Firmate la petizione e

volantinate ovunque siate!

 

L’Italicum é una legge truffa! Ditelo con i volantini che trovate qui

(il file .doc è personalizzabile con il logo del vostro gruppo, potete adattare il testo

come preferite) e che riportano il testo di questa pagina:

2015-02-Volantino-sulla-legge-elettorale-x-25-Aprile-doc

2015-02-Volantino-sulla-legge-elettorale-x-25-Aprile-pdf

Lo spot per le radio

Scaricalo qui é gratuito, usalo come vuoi!

Per approfondire perchè l’Italicum non va bene:

2015-04 Articolo ITALICUM DUE di Mauro Volpi Università di Perugia professore ordinario di Diritto Costituzionale

Articolo di Valerio Onida Presidente Emerito della Corte Costituzionale

2015-03 L’italicum affonda la democrazia di Ugo Genesio ex Magistrato e segretario generale dell’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario

2015-04 Audizione parlamentare di Vincenzo Tondi della Mura  del 14 aprile 2015  Ordinario di Diritto costituzionale nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Salento

2015-04 II_Seminario_AIC_Articolo di Francesco_Bertolini sulla legge elettorale  del 2 maggio 2014 Ordinario di Diritto Costituzionale Università di Teramo

Firmate la petizione che trovate qui in fondo alla pagina

Il 27 aprile in parlamento si discute l’Italicum: una legge elettorale che calpesta i diritti dei/delle cittadini/e, è anticostituzionale e mira ad indebolire la democrazia parlamentare in Italia!

I partiti al governo – con il falso pretesto della governabilità – stanno riducendo giorno dopo giorno le nostre fondamentali libertà democratiche compresa la possibilità di scegliere i nostri rappresentanti, di indire referendum o di proporre leggi di iniziativa popolare.

In sostanza vogliono impedirci di intervenire nella vita politica del Paese sostituendo il “Porcellum”, la legge elettorale dichiarata anticostituzionale perché toglieva ai cittadini i fondamentali diritti democratici, con l’ ”Italicum” che di quello è una brutta copia.

 Il PD e i partiti al governo hanno enormi responsabilità in questo attentato ai nostri diritti.

Ecco gli effetti della legge elettorale detta “Italicum”:

1) L’Italicum prevede che i capilista siano scelti dai segretari di partito così la maggioranza dei parlamentari – circa il 70% – sarà costituito da persone che saranno scelte più per la fedeltà al “capo” che per il loro valore. In questo modo la qualità del parlamento è ancora destinata a peggiorare.

2) Il premio di maggioranza è eccessivo. Il “trucco” del ballottaggio fra i due partiti più votati, entrambi minoritari, permette in ogni caso di assegnare a un partito che magari ha avuto solo il 25% dei consensi, il 55% dei seggi. Ciò impedirà la corretta rappresentazione delle diverse volontà degli elettori così il punto di vista di milioni di persone “resterà fuori” dal parlamento.

3) Con l’Italicum il voto dell’elettore che avrà votato il partito che vince varrà due o tre volte quello del partito che perde. La Costituzione prevede invece l’eguaglianza del voto degli elettori.

4) Il partito vincitore avrà troppa influenza sulla nomina degli organismi di garanzia come il Presidente della Repubblica e della Camera, il Consiglio Superiore della Magistratura e la Corte Costituzionale e quindi chi vince “piglia tutto” in barba ai corretti equilibri democratici.

Una legge istituzionalmente delicata come la legge elettorale dovrebbe essere portata avanti dai parlamentari (potere legislativo) non dal governo (potere esecutivo che al parlamento deve rendere conto) e dovrebbe essere il risultato di un costruttivo dibattito non della continua minaccia da parte del primo ministro di ricorrere al voto di fiducia o allo scioglimento delle camere.

 

Difendi la tua libertà. Diffondi questo volantino e firma la petizione al Presidente della Repubblica per chiedere una legge elettorale migliore. Proponi al tuo gruppo di entrare a far parte della Rete per una legge elettorale rispettosa dei/delle cittadini/e e della Costituzione: scrivi a info@listacivicaitaliana.org

Per ora la rete paritetica è composta da

ANPI Crescenzago (Zona 2 – Milano), ANPI Nicolai Bujanov (Cavriglia – Arezzo) ,   ANPI – Sezione di Nova Milanese (Monza e Brianza) , Associazione ADUSA, Associazione Articolo 53,   Associazione Civica Mantovana, Associazione Energia Felice , Associazione Buonsenso e legalità , Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Coordinamento Cittadini Liberi , CoscienzaComune , C.Z. – Umanisti Cremona,   Decidiamolo Insieme, Democrazia in Movimento , Ecoistituto del Veneto “Alex Langer” , Free Italia , Gente di Sinistra , L’Altra Liguria , L’Altra Sardegna ,  Le forme della politica, Lista Civica Italiana, Movimento dei Consumatori , Movimento Dipendenti Pubblici , Partito MeridionalistaPartito Umanista , Prima le Persone , Rete delle Alternative , VeneziAmbiente ,

Avviso per quanti intendono firmare: il nostro sistema invia alla mail che inserite un messaggio per chiedervi di confermare la vostra sottoscrizione.

Ricordatevi di andare a vedere subito la posta e di rispondere al messaggio!

 

[emailpetition id=”2″]

Cerca