Questo documento è in discussione e deve essere ancora approvato.

Qui il link della discussione in corso

1) MODALITA’ DI ADESIONE

Possono aderire al progetto sia singoli che gruppi.

Singoli. Per aderire al progetto “Per una Lista Civica Nazionale” è necessario:

a) fornire i propri dati: nome*, cognome*, data di nascita*, gruppo di appartenenza, indirizzo*, recapito telefonico*, email*, precedenti attività politiche*);

b) sottoscrivere la quota di adesione;

c) impegnarsi a rispettare la seguente dichiarazione: Mi impegno a rispettare la dichiarazione d’intenti del progetto. Qualora questa fosse parzialmente in contrasto con i miei principi, mi impegnerò a proporre democraticamente delle modifiche e integrazioni. Nel caso in cui essa fosse del tutto incompatibile con i miei principi abbandonerò il progetto.

Nome, cognome, comune e provincia di residenza di ciascun aderente saranno resi pubblici.

Ogni aderente è inserito nella “Assemblea circoscrizionale” relativa alla propria provincia di residenza, ma può chiedere di essere inserito in un diverso territorio, se il proprio ambito principale di attività (domicilio, studio, lavoro) non si svolgesse nel luogo di residenza.

Quota di adesione. Attualmente la quota di adesione è a offerta libera.

Incompatibilità. Non possono aderire al progetto singoli o gruppi che hanno dimostrato nei fatti di non rispettare la Dichiarazione d’intenti. Comportamenti passati incompatibili con il progetto saranno valutati dall’Assemblea, che deciderà in modo trasparente e pubblico eventuali provvedimenti.

Gruppi. Un gruppo può aderire compilando l’apposito modulo (bozza di modulo), in cui indicherà il referente designato per il progetto e l’elenco di tutti i singoli aderenti che hanno indicato tale gruppo come proprio gruppo di appartenenza.

2) MODALITA’ DECISIONALI

Ogni decisione (dichiarazione d’intenti, programma politico, nome e simbolo della lista, regolamento, candidati, ecc.) è presa secondo i metodi della democrazia diretta, secondo il principio “una testa un voto”.

Possono votare tutti gli aderenti al progetto, che costituiscono l’Assemblea degli aderenti.

Il singolo può votare direttamente (in modalità virtuale o fisica) attraverso il facilitatore della propria circoscrizione ovvero attraverso il referente del proprio gruppo di appartenenza (che deve essere tra i gruppi aderenti al progetto).

Deleghe. L’Assemblea può delegare un aderente, un gruppo di aderenti (gruppi di lavoro) a svolgere determinate funzioni (comunicati stampa, presentazioni, incontri, documenti vari, ecc.), o in caso di questioni urgenti. La delega è sempre sotto il controllo dell’Assemblea e sempre revocabile.

Votazioni. Tranne casi di particolare urgenza, le votazioni avvengono di norma una volta al mese, secondo un calendario ben preciso, che comprenda un congruo numero di giorni per la discussione delle proposte. Perchè una proposta sia sottoposta alla discussione e poi alla votazione dell’Assemblea deve essere sostenuta da un numero minimo di aderenti, stabilito con criterio proporzionale-progressivo (2 fino a 100 aderenti, 3 fino a 200, 5 fino a 1000); per proposte di modifica di decisioni e documenti già approvati dall’Assemblea il numero sale (2 fino a 20, 5 fino a 100, 10 fino a 1000).

Il Facilitatore dovrà riportare i voti che gli sono stati affidati alla fine del periodo di votazione.

Assemblee nazionali.

Durante le Assemblee Nazionali fisiche si affrontano le questioni più importanti e fondanti del progetto: modifiche Dichiarazione d’intenti, programma, regole, iniziative nazionali. Dopo la pubblicazione dei verbali dell’assemblea si stabilirà un tempo massimo di una settimana per permettere a chi non era presente di esprimersi.

Cerca