E' il momento di decidere: cambiare si deve!

La Lista Civica Italiana, anche di fronte al precipitare degli avvenimenti e all’imminenza delle prossime elezioni politiche rinnova il suo appello alle forze che, da diverse parti, invocano un quarto polo anticasta, contrario alle politiche del governo Monti, strenuo difensore della Costituzione, alternativo al vecchio sistema dei partiti.
In questo senso LCI ha scritto a Ingroia e a De magistris segnalando la sua disponibilità a discutere questa possibilità; nello stesso tempo ha aderito e sta partecipando con suoi rappresentanti alle assemblee in corso.

continua

Lettera aperta ad Antonio Ingroia

Alla c.a. Antonio Ingroia e p.c. alla c.a. di Luigi De Magistris alla c.a. degli promotori di Cambiare si può! Gentile Dottor Ingroia, abbiamo avuto modo di incontrarLa in occasione della riunione di “Cambiare si può” del 1 dicembre a…

continua

Aggiornamento n.13

Aggiornamento n. 13 Lista Civica Italiana Nuovo sito, nuova organizzazione Da oggi è attiva la nuova organizzazione di Lista Civica Italiana. La mailing-list degli aderenti è stata sostituita dal forum e della newsletter (quella che state leggendo). Il forum è…

continua

La Palestina è uno Stato

Un giorno memorabile: la Palestina è uno Stato

Tratto da www.Infopal.it 30/11/2012

 

 

Pchr. In questo giorno memorabile, il Centro palestinese per i Diritti Umani (Pchr) ribadisce il suo sostegno alle aspirazioni palestinesi di ottenere uno Stato.

L’ammissione della Palestina, come stato osservatore non membro alle Nazioni Unite, è un passo importante nella lotta del popolo palestinese per ottenere il diritto all’autodeterminazione e la sovranità sul proprio territorio nazionale. La leadership palestinese ha presentato la richiesta di diventare uno Stato non membro, dopo l’ostruzionismo politico praticato dagli Usa, che ha impedito il riconoscimento della Palestina come uno Stato membro del Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Per decenni, l’assenza dello stato di diritto internazionale ha rappresentato il più grande ostacolo all’affermazione del diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione. Anni di occupazione e colonizzazione sono passati nonostante numerose risoluzioni adottate dal Consiglio di sicurezza e dall’Assemblea Generale dell’Onu, risoluzioni che imponevano il ritiro delle forze israeliane, lo  smantellamento degli insediamenti, la fine della politica di annessione di Gerusalemme Est e la revoca dell’assedio imposto sulla  Striscia di Gaza. Alla luce di questi fatti sul terreno, la Palestina resterà uno Stato virtuale. Tuttavia, il nuovo status rappresenterebbe un passo in avanti per la Palestina, sia politicamente che giuridicamente.

continua

UNA TESTA UN VOTO

In questi giorni si fa molto parlare, nelle stanze del potere, della nuova legge elettorale. Si fa molto parlare della nuova legge ma non si legge l'articolo 1 della Costituzione che dice. "la sovranità appartiene al popolo". Di conseguenza si…

continua

La Lista Civica Italiana nasce…

… con un appello alle energie attive del paese per governare l’Italia

Il 7 ottobre si è costituita a Firenze la Lista Civica Italiana (LCI), aggregazione che nasce da un percorso politico condiviso iniziato due anni fa e che ha visto la partecipazione di movimenti, associazioni e reti civiche di tutta Italia.

Che Lista Civica Italiana rappresenti un fenomeno nuovo lo si capisce dalla carta di intenti che riporta i suoi principi ispiratori: applicazione della democrazia diretta al proprio interno; affiancamento alla democrazia rappresentativa della democrazie diretta allo scopo di dare più voce e potere ai cittadini; riforma della politica con misure anti-casta quali la limitazione del numero di mandati, l’abolizione dei privilegi e la revisione del finanziamento dei partiti; difesa del territorio, dei beni comuni e della legalità; riconversione ecologica dell’economia; fiscalità equa e progressiva; nonviolenza, ripudio della guerra e riduzione delle spese per armamenti; attuazione della Costituzione.

continua

Consumo di suolo: raggiunto l'accordo, parte l'appello per l'obiezione di coscienza

di Andrea Degl’Innocenti -04/11/2012

tratto da:

www.stopalconsumoditerritorio.it

Per una volta il nostro paese mostra un’immagine coerente di sé. Istituzioni e cittadini si impegnano per fermare una delle peggiori piaghe dell’era moderna: il consumo di suolo. Il governo e le regioni hanno raggiunto l’accordo sul ddl contro il consumo di suolo agricolo, e intanto Tommaso Gamaleri, progettista edile, lancia un accorato appello ai colleghi per una “obiezione di coscienza sul consumo di suolo”.
Istituzioni e cittadini per una volta uniti nel combattere la cementificazione e salvaguardare il territorio nazionale

continua