Alla c.a. Antonio Ingroia
e p.c. alla c.a. di Luigi De Magistris
alla c.a. degli promotori di Cambiare si può!

Gentile Dottor Ingroia,
abbiamo avuto modo di incontrarLa in occasione della riunione di “Cambiare si può” del 1 dicembre a Roma. La Lista civica italiana nasce da un percorso di due anni a partire dalle liste civiche locali e dai territori. Un impegno che ha avuto buoni risultati quando è stato coniugato con la politica per il bene comune.
La Lista civica italiana ritiene di vitale importanza per il futuro dell’Italia far convergere le forze della società civile, dei movimenti, del popolo dei referendum in un nuovo polo politico che vada oltre le ideologie del ‘900 e sia indipendente da qualsiasi partito “tradizionale” anche se questo potrebbe rendere più difficile la presentazione delle liste.
Per noi questa aggregazione dovrà mettere al centro la persona, i beni comuni, la legalità e la lotta alle mafie. Dovrà lavorare per l’attuazione della Costituzione, per la progressività fiscale prevista dall’art.53, per la riconversione ecologica dell’economia. Dovrà essere anticasta proponendo il taglio ai privilegi e al numero dei mandati. Dovrà essere contro la politica al servizio della finanza e adottare gli strumenti della democrazia diretta da affiancare alla democrazia rappresentativa.
Il nostro obiettivo è di dare vita per le prossime elezioni a una lista unica di tutti coloro che lavorano per i beni comuni. Per questo Le segnaliamo che stiamo seguendo da vicino il progetto “Cambiare si può” e Le scriviamo per segnalarLe la nostra disponibilità ad un percorso comune e il vivo desiderio di creare un unico soggetto civico.
Lavoriamo insieme ad un’alleanza civica, tra gruppi e associazioni presenti in Italia accomunati dalla stessa visione, che siamo certi potrebbe raccogliere il voto di milioni di italiani e avrebbe la forza e le competenze per governarlo cambiando il paese da subito.
In attesa di incontrarci nuovamente Le inviamo cordiali saluti.

8 dicembre 2012

Il Coordinamento nazionale
di Lista Civica Italiana

This Post Has 2 Comments
  1. Mi permetto di segnalare che manca qualsiasi riferimento al “Dovrà essere a favore di una politica pacifica e nonviolenta”.

I commenti sono chiusi.

Cerca