COMUNICATO STAMPA del 29 agosto 2013

Siria: esponiamo bandiere della pace o dei lenzuoli bianchi!
LCI chiede al governo italiano di essere promotore della pace e non spettatore della guerra.

Si sta configurando un nuovo intervento ‘umanitario’ in Siria da parte dell’alleanza USA/GB/Francia/Turchia, con o senza l’egida dell’ONU: una sconfitta della politica dice Lista civica italiana (LCI).
Finora l’Italia si e’ limitata a comunicare che – senza l’egida dell’ONU – non fornirà supporto logistico. Questa e’ una posizione di comodo, se non pilatesca, assolutamente insufficiente per il paese che é al centro economico e politico del Mediterraneo e che e’ il primo partner commerciale della Siria.
La Costituzione italiana, che LCI intende attuare, sancisce, all’articolo 11, che ” L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” . La storia recente ha mostrato che gli interventi armati condotti senza il coinvolgimento dell’ONU non hanno risolto i conflitti creando invece tensioni e morti.
LCI invita tutti gli italiani ad esporre la bandiera della pace sui propri balconi per esortare il governo italiano a prendere iniziative verso la comunità internazionale al fine di fermare le azioni di guerra da parte dell’alleanza citata e soprattutto a fermare la guerra civile in Siria che da mesi sta causando migliaia di vittime.

LCI ricorda infine che in un pianeta sovra-sfruttato come é il nostro, qualsiasi distruzione di beni fruibili é una assurdità che si ritorce contro tutta l’umanità.

Esponiamo quindi le bandiere della pace sui balconi e firmiamo la petizione su change.org dal titolo “Siria: se vuoi la pace, prepara la pace”.

Fine del comunicato

Cerca