Lista Civica Italiana fa parte del Comitato Nazionale per l’Attuazione della Costituzione (CN-AC) e quindi collabora alla diffusione del seguente invito che é destinato a gruppi, associazioni, liste civiche, comitati movimenti che sono attivi e radicati da anni sul territorio lombardo e che si riconoscono nel testo seguente.

Chi abitasse in altre regioni può comunque partecipare e – come minimo – inoltrare ai suoi contatti in Lombardia questo testo.

Sabato 21 novembre – sala S.Ambrogio in via Copernico 9 dalle 14.30 alle 18.30.

A due passi dalla Stazione Centrale MM2 – MM 3

Registrati con questo modulo ( http://goo.gl/forms/gQtRnZWbhg) che puoi compilare on line. L’indirizzario sarà condiviso tra i partecipanti.

Probabilmente tu e il gruppo con cui collabori siete preoccupati come noi di come si evolve la politica in Italia. Come noi, state già facendo qualche cosa di utile per invertire il corso della deriva democratica sociale, ambientale ed economica che avanza spedita. Ma forse vi accorgete che non é sufficiente…

Il problema a nostro avviso è che da decenni stiamo lavorando “a valle” per limitare gli effetti delle cattive politiche di chi sta al governo e questo ci tiene sempre impegnati e ci sfinisce togliendoci il tempo di riflettere su come migliorare la nostra azione.

E se provassimo a cambiare strategia?

Se provassimo a incontrarci per conoscerci meglio, per valutare se e come metterci in rete allo scopo di coordinarci per avere più forza su alcune attività di interesse comune?

La proposta che trovi qui allegata nasce da un insieme di gruppi (Associazione Articolo 53, Associazione Adusa, Associazione Civica Mantovana, Associazione Trentino Punto a Capo, Candidati Senza Voce, Lista Civica Italiana, Movimento Civico Zagarolo, Ora Costituente, Partito Umanista), che hanno iniziato a ragionare insieme tra il 2014 e il 2015 e che hanno creato un primo documento reperibile qui.

Nel documento troverai:

– il desiderio di mettere in rete le enormi energie dei movimenti ed associazioni esistenti in Italia, che agiscono in modo scoordinato pur avendo spesso obiettivi simili,

– il desiderio comunedi  impegnarci, in una prospettiva Politica, per trovare un metodo (non un partito!) che abbia l’obiettivo di eleggere in Parlamento e nei luoghi dove si decide delle persone competenti, credibili e con un curriculum incontestabile in maniera tale da dare rappresentanza alle nostre idee e da migliorare le decisioni del Parlamento: un modo insomma per non dover continuare a mettere pezze, per costruire e non riparare…

Per farti capire l’impostazione generale ti anticipiamo in estrema sintesi alcune caratteristiche di questo progetto che per ora ha il nome provvisorio di Comitato Nazionale per l’Attuazione della Costituzione CN-AC.

1) La “colla ideale” che può tenere insieme tutti i soggetti partecipanti è il desiderio di attuare la Costituzione (ovvero gli ideali dei costituenti: solidarietà, fare impresa per migliorare la società e non solo per fare profitto, ecc.)

2) L’obiettivo è quello di costituire una rete paritetica senza leader per essere più efficaci rispetto al cambiamento delle scelte politiche. In questa rete le decisioni importanti vengono prese in modo democratico e partecipato. Questa rete comunica sia tramite internet e nuovi media, sia tramite il contatto diretto con i cittadini nelle piazze: c’è infatti un estremo bisogno di dare strumenti conoscitivi ai/alle cittadini/e.

3) L’obiettivo in prospettiva è quello di organizzarci per mandare le migliori persone della società civile in Parlamento perché è lì che occorre dare rappresentanza alle nostre idee per evitare di dover combattere sempre “a valle”.

4) Non stiamo parlando di creare un partito bensì di una rete per fare una campagna particolare: la campagna elettorale. Specifichiamo anche che non ci interessa ripercorrere per l’ennesima volta il tentativo di far nascere un partito “di sinistra”: in questi giorni stiamo assistendo all’ennesimo tentativo con “Sinistra Italiana” e con i soliti noti. In sostanza vogliamo fare politica veramente dal basso mettendo al centro la persona e rispondendo alla domanda: “cosa serve alle persone per vivere serenamente?”

5) Abbiamo pensato a delle regole per fare politica “molto severe” (che hanno l’obiettivo di impedire che all’attuale casta se ne sostituisca un’altra…) e di tornare ad una Politica che miri al bene comune e non all’arricchimento personale o al potere per il potere.

6) Cerchiamo persone e gruppi “normali”, capaci di confrontarsi serenamente, di fare cose concrete e convinti che nessuno ha la verità in mano.

Se stai pensando che è una impresa impossibile ti chiediamo di riflettere su tre cose:

a) C’è un partito che attualmente ti convince a fondo, nel quale ti specchi?

b) La società civile è o non è riuscita a mandare il 50%+1 a votare ai referendum acqua?

c) Se non ci organizziamo SUBITO per agire coordinati la deriva dell’Italia andrà ancora più spedita

Forse occorre solo abbandonare gli schemi mentali del passato e pensare che dare rappresentanza alle idee per un mondo migliore è meno difficile di quello che sembra.

L’importante è essere disponibili a lavorare su ciò che ci accomuna continuando a discutere su ciò che ci divide.

L’ordine del giorno (integrabile) di sabato 21 novembre è:

1) giro di presentazione

2) presentazione e aggiornamento sul progetto CN-AC, sperando che arriviate avendo letto il documento Fondativo

3) aggiornamento sulle campagne referendarie relative alle riforme istituzionali e alla legge elettorale Italicum,

4) proposte di campagne concrete di sensibilizzazione dei cittadini o su temi di loro diretto interesse

Siccome nessuno di noi ha “ricchi sponsor” il costo della sala (contenuto) verrà pagato con una colletta tra i presenti.

Cerca