Per Una Lista Civica Nazionale
www.PerUnaListaCivicaNazionale.it

Comunicato stampa – Alla cortese attenzione della Redazione – 30 aprile 2012

Assemblea del Nuovo soggetto politico di Firenze: una occasione perduta di confronto?

Il progetto “Per una lista civica nazionale” (PLCN), che sta aggregando numerose reti di liste civiche, associazioni e cittadini desiderosi di cambiare radicalmente la politica in Italia orientandola al bene comune ha mandato due osservatori, Gabriele Volpi e Claudio Mazzoccoli, alla riunione del “Nuovo Soggetto Politico” che si è svolto al Mandela Forum di Firenze il 28 Aprile u.s. speranzoso di assistere ad una reale novità e di potersi confrontare con essa.

Purtroppo è avvenuto un fatto preoccupante sul piano della credibilità e della coerenza con le enunciazioni di apertura del nuovo soggetto politico. Durante l’assemblea plenaria i due esponenti di PLCN non sono stati fatti intervenire nonostante fossero regolarmente registrati sia all’evento che alla lista dei relatori ed inoltre avessero ricevuto la conferma dalla presidenza di poter parlare nel pomeriggio.

Purtroppo alle ore 16,20 c’è stata la chiusura forzata degli interventi e quindi del confronto con la scusa della mancanza di tempo e della precedenza per quanti avevano già sottoscritto l’appello: ma almeno tre esponenti di partito, che immaginiamo non abbiano sottoscritto alcunché, avevano avuto già la possibilità di parlare…

Visto che su diversi contenuti, come sui principi anticasta, pare che ci sia una certa vicinanza di posizioni, come minimo l’intervento di “Per una Lista civica nazionale” avrebbe posto la questione di come si pensa di risolvere la doppia appartenenza (al nuovo soggetto e ad altri partiti) non ritenendo possibile che si possa fare campagna elettorale per il proprio partito e contemporaneamente per il nuovo soggetto politico. In particolare il  timore è che questo “Nuovo soggetto” serva da raccoglitore dei voti dispersi di sinistra per poi andare a sostenere, tramite alleanze finali, uno dei partiti esistenti; insomma anziché  alimentare il radicale cambiamento che “Per una Lista civica nazionale” auspica, lo si azzoppa in partenza.

E’ stato apprezzato da PLCN infine l’annuncio di Ugo Mattei sull’apertura del progetto, ma non abbiamo capito la fretta di definire nome e organizzazione, come se si dovessero chiudere le porte a nuove aggregazioni e si volesse far fallire l’obiettivo di diventare una grande forza plurale. Infine abbiamo apprezzato l’annuncio di voler fare della partecipazione un valore: forse sarebbe il caso di prendere atto che si parla già da tempo di democrazia diretta e si stanno raccogliendo le firme per il progetto di legge “Quorum zero più democrazia” volto a portare in Italia gli strumenti della democrazia diretta. Noi abbiamo aderito e stiamo raccogliendo le firme, il nuovo soggetto che farà?

Questo episodio rappresenta un elemento che suscita più di un dubbio su come è stato gestito l’incontro e sull’intero progetto: chi ha cancellato gli interventi dei due esponenti di “Per una lista civica nazionale” si è assunto infatti la responsabilità di negare il confronto con un altro gruppo nazionale che comunque, avendo una idea molto chiara su ciò che serve per rinnovare la politica in Italia, è disponibile ad un incontro.

Ufficio stampa (info perunalistacivicanazionele@gmail.com)

This Post Has 2 Comments
  1. Guido, quanto accaduto a Firenze conferma purtroppo quello che “sospettavo” dopo aver visto la composizione del gruppo di Mantova: esponenti del PD, qualcuno di SEL un po’ critico…. Peccato! Era anche l’impressione di Paola Ghini. Lasciamo perdere.

I commenti sono chiusi.

Cerca